TEATRO REGIO DI TORINO: ROMEO E GIULIETTA

Unico balletto nella stagione 2018-2019 del Teatro Regio di Torino, Romeo e Giulietta torna sul palcoscenico sabaudo con la coreografia di Kenneth MacMillan dopo un’assenza di ben ventitrè anni, quando andò in scena col Corpo di Ballo del Teatro alla Scala di Milano assieme ad importanti nomi del mondo della danza, tra i quali le Étoile ospiti Alessandra Ferri, Manuel Legris e Maximiliano Guerra.
Il ritorno di questo grande capolavoro del ‘900 ha segnato questa volta il debutto, al Regio, del Balletto dell’Opera di Perm’.

©️Nikita Chuntomov

La Compagnia di Ballo, diretta da Aleksej Mirošničenko, ha sede nel teatro dell’opera di Perm’, il più antico teatro degli Urali, ed è tra le più note rappresentanti della cultura russa nel mondo, nonchè il più prestigioso Corpo di Ballo della Russia dopo quello del Bol’šoj e del Mariinskij.
Sensazionale la Giulietta di Daria Tichonova ed il Romeo di Pavel Savin, i quali hanno unito tecnica, espressività, bellezza e complicità in una performance coinvolgente ed emozionante, in particolare nei pas de deux, che ha assicurato loro applausi scroscianti.

©️Nikita Chuntomov

Ottimo anche il resto della Compagnia, su cui hanno primeggiato e si sono distinti Taras Tovstjuk nel ruolo di Mercuzio, Roman Tarchanov nel ruolo di Benvolio e Lord & Lady Capuleti, rispettivamente Sergej Kreker ed Elena Chvatova.
L’orchestra del Teatro Regio, in stato di grazia, ha dato vita al capolavoro musicale del compositore Sergej Prokof’ev ed il direttore Artëm Abašev ne ha esaltato con abile cura e lirismo la sua immensità e grandezza, nelle dissonanze, nella ricchezza armonica, nelle incursioni in tradizionalismi ottocenteschi.
Le scene di Mauro Carosi risultano essere all’insegna di una valida e ottimamente curata classicità consentendo inoltre, grazie all’impiego ed alla movimentazione di più fondali, rapidi passaggi da ambienti interni ad ambienti esterni.

©️Nikita Chuntomov

I costumi firmati da Odette Nicoletti sono splendidi e perfettamente in linea con le scene.
Le luci di Sergej Martynov, ricalcolate e adattate al palcoscenico torinese, hanno contribuito in maniera fondamentale alla riuscita di uno spettacolo di altissimo livello.

Stefano Gazzera

Torino, 5 maggio 2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...