IL GIOVANILE ARDORE, ALFREDO E NEMORINO: INTERVISTA AD AIRAM HERNÁNDEZ

Tenerife e la sua provincia hanno dato i natali a schiere di tenori, da Alfredo Kraus ai più recenti Celso Albelo e Jorge de Leòn: il giovane Airam Hernández si aggiunge a questa schiera con impegni internazionali di grande prestigio. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo in occasione del suo debutto operistico in Italia al Teatro La Fenice di Venezia con Alfredo ne “La Traviata” e con l’atteso debutto di ruolo come Nemorino ne “L’elisir d’amore” al Teatro Filarmonico di Verona. 

Come ti sei avvicinato al canto?
Sono nato a Tenerife, nelle Isole Canarie. Nella mia terra c’è una grande tradizione musicale, strettamente legata alla musica folclorica, la ascoltiamo fin dall’infanzia . Inoltre mio padre era un insegnante riconosciuto di musica folclorica e una delle mie sorelle è soprano. Da piccolo mi svegliavo con il suono del liuto di mio padre o con le vocalizzazioni di mia sorella. Ricordo di una volta, ero molto piccolo (3 o 4 anni), su un palcoscenico. Ero un bambino molto timido e riservato, ma quando sono salito sul palcoscenico mi sono divertito moltissimo. Ho iniziato a studiare organo e poi sono andato al conservatorio per studiare il corno. Da allora sono sempre stato legato alla musica, sia come membro di gruppi musicali, orchestre, cori e, infine, come cantante lirico. La musica è sempre stata con me.

Airam Hernández (tenor) 1 © Coke Riera
©Coke Riera

Nel tuo percorso musicale hai studiato corno francese: in che modo ti ha aiutato e avvantaggiato nella tua formazione come cantante?
Il mio studio del corno francese è stato vitale nello sviluppo della mia carriera, dal momento che tutta la mia base come musicista viene dagli anni suonando questo strumento. Ho imparato cosa significa lavorare in gruppo, ho sviluppato la mia sensibilità musicale suonando i concerti di Mozart e la tecnica di respirazione, che il mio insegnante Guillermo Zarzo mi ha insegnato con tanta dedizione, è stata di vitale importanza per imparare a cantare. È uno strumento molto complesso da padroneggiare e perfezionare, quindi mi ha aiutato a sviluppare l’orecchio musicale. Credo anche che il corno abbia un suono molto simile alla voce umana. In effetti, ricordo che quando lavoravo con Zarzo, a volte mi faceva cantare la melodia prima di suonarla e viceversa.

Airam Hernández (tenor) 3 © Coke Riera
©Coke Riera

Hai fatto parte degli ensemble del Liceu e dell’Opernhaus Zürich: come ti hanno arricchito queste esperienze?
Si tratta di due teatri molto importanti per me a livello personale e professionale. Ero un membro stabile del coro del Liceu all’età di 23 anni e durante quei 6 anni ho avuto la possibilità di fare i miei primi passi come solista cantando piccoli ruoli. Avevo finito gli studi di canto e sentivo la necessità di continuare a formarmi nel repertorio operistico. Essere stato membro dell’opera studio e in seguito dell’Ensemble di Zurigo mi ha apportato molta esperienza di palscoscenico. In entrambi i casi ho avuto l’opportunità di lavorare con grandi insegnanti, bravi registi e colleghi che hanno contribuito molto alla mia carriera con i loro insegnamenti.

Debutterai prossimamente al Teatro La Fenice con La Traviata, nel teatro dove quest’opera è nata: quali sono le emozioni di questo debutto?
Sono molte le emozioni: sento che è un grande privilegio poter interpretare Alfredo nel teatro dove è stato cantato per la prima volta. È un ruolo per cui ho un affetto speciale e per me è cantarlo nel teatro che lo ha visto nascere significa rendergli onore. Sono anche molto felice per l’accoglienza che mi è stata riservata dai miei colleghi e da tutto il personale del teatro. Tutto ciò si unisce anche al fatto che è la prima volta che canterò un’opera in Italia, quindi sono davvero sicuro che sarà una produzione che non dimenticherò.

©️Jacques Beaud

Alfredo è uno dei ruoli che interpreti più frequentemente: qual è la tua visione di questo personaggio?
Per me Alfredo è l’archetipo del giovane innamorato e inesperto. La passione giovanile lo porta a rompere le convenzioni del suo tempo, offrendo a Violetta una vita diversa da quella a cui una donna come lei avrebbe potuto aspirare. Sfortunatamente, è la stessa passione che lo porta a umiliarla pubblicamente quando si sente tradito e abbandonato. La cosa complicata di questo personaggio è trovare il giusto punto drammatico. Riconosco che la mia naturale tendenza è quella di lasciarsi trasportare dalle emozioni e ho una predilezione speciale per i personaggi con un carattere forte. Ho un affetto speciale per Alfredo anche perchè è stato il primo ruolo importante che ho cantato professionalmente.

Ti sposterai di pochi chilometri per debuttare al Teatro Filarmonico di Verona e nel ruolo di Nemorino: come ti stai preparando per questo ruolo e come ti prepari in generale per un nuovo personaggio?
Volevo debuttare Nemorino da molto tempo. La sua nobiltà, ingenuità e la purezza del suo amore mi hanno sempre commosso. Ecco perché lo sto preparando con amore. Non è un ruolo semplice. Richiede molta resistenza vocale, un importante lavoro di recitazione e una grande accuratezza con la partitura. Il mio processo di preparazione di un ruolo è complesso poiché dipende molto dal tipo di personaggio. Di solito inizio con una lettura completa del libretto. Mi segno le frasi e le parole chiave che possono aiutarmi a definire sentimenti, aspirazioni e personalità del personaggio. Musicalmente faccio lo stesso lavoro. Grazie ad alcuni insegnanti con i quali ho avuto l’opportunità di lavorare (come il Maestro Ranzani), studio attentamente ciò che è scritto nella partitura. Quando ripeti un’opera diverse volte tendi a confondere un po ‘quello che il compositore ha scritto con le varie esigenze di ogni insegnante, le produzioni e le licenze personali prese come interprete. La partitura ti aiuta a riconnetterti con la verità del compositore. Sono fortunato perchè sto lavorando sul repertorio belcantista con la grande Mariella Devia che mi aiuta molto con lo stile. È un repertorio molto ampio che voglio esplorare in questa fase della mia carriera.

airam_hernandez__Media_© Dik Nicolai
©Dik Nicolai

Quali sono i ruoli che vorresti debuttare nei prossimi anni?
Mah, non saprei: una cosa è ciò che vorrei cantare e un’altra molto diversa è verso che direzione si evolverà la mia voce. Se mi avessero fatto la stessa domanda un paio di anni fa, non avrei considerato di cantare i ruoli di Pollione o Faust (almeno non così presto). Ho debuttato con Faust all’Opera di Tenerife, con un ottimo risultato e un mese fa ho interpretato le 8 funzioni di Norma al Théâtre Capitole de Toulouse, cantando con artisti meravigliosi come Marina Rebeka e Karine Deshayes. Devi ascoltare la voce, sia per aggiungere nuovi ruoli al repertorio sia per smettere di cantare gli altri. In questo momento vorrei avere l’opportunità di esplorare il repertorio belcantista molto di più, specialmente i meno conosciuti. Ma anche ruoli mozartiani, come Belmonte, Idomeneo, Tito o Tamino; il Duca ed Ernani di Verdi; sarei molto interessato a debuttare con Romeo, Wether e Hoffmann. E il futuro potrebbe includere Strauss, il repertorio di Puccini e alcuni ruoli di Wagner. Solo il tempo lo dirà.

Airam Hernández_© Dik Nicolai
©Dik Nicolai

Prossimi impegni.
Dopo Verona sarò a New York per diversi mesi come cover di Ferrando in Così fan Tutte nel MET. Durante quel periodo preparerò Rodolfo de La Boheme, che debutterò a Minorca nel maggio 2020. Poi canterò di nuovo Traviata a Lugano. Tra questi impegni farò numerosi concerti in Italia, Budapest, Madrid e Tenerife. Questa stagione è molto intensa. Ho aggiunto 4 nuovi ruoli al mio repertorio e ho debuttato in diversi teatri in cui avrei voluto cantare da un po ‘di tempo. Sono molto contento di tutto quello che sta accadendo!

Grazie ad Airam Hernández e In bocca al lupo!

Francesco Lodola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...