“PLAISIR D’AMOUR…”: INTERVISTA AD ANGELA GHEORGHIU

Angela Gheorghiu: l’animale da palcoscenico, la Diva con la “D” maiuscola, una delle icone della lirica già entrata nella storia grazie alle sue grandi interpretazioni testimoniate anche in disco. Abbiamo avuto la grande gioia e il grande onore di intervistarla nuovamente proprio in occasione dell’uscita del suo nuovo album “Plaisir d’amor” con Decca, un prezioso portagioie ricco di gioielli musicali con il quale il soprano festeggia i suoi 25 anni di carriera discografica…

25 anni di carriera discografica, oggi una rarità: un bilancio della tua esperienza nel mondo del disco: ci sono stati dei cambiamenti rispetto ai tuoi inizi?

Si, certamente. Sono molto felice di raggiungere questo traguardo nella mia carriera e mi chiedo quanti cantanti possano dire che hanno un periodo di registrazione di un quarto di secolo…Devo ammettere che sono orgogliosa della mia discografia, è così ampia e così complessa, copre così tanta storia dell’opera e della musica. E queste registrazioni sono qui e riposeranno per essere ascoltate da tutti, per ascoltare la mia voce e la mia interpretazione per una così vasta gamma di spartiti musicali. Incoraggio tutti a farlo. Ovviamente i tempi sono cambiati, penso che l’industria manchi ora di nuovi album, i cantanti registrano molto raramente oggi, e spesso uno strano repertorio, molte persone danno la colpa alla mancanza di soldi – potrebbe essere, ma anche alla mancanza di professionisti e alle strane scelte che le etichette fanno. Ricordo che nei primi 10-15 anni della mia carriera discografica venivo pagata solo per viaggiare in tutto il mondo per promuovere un certo album, non cantare, promuoverlo, questo non esiste più adesso, è scomparso. Anche le registrazioni di opere complete sono oggi così rare e penso che sia triste. Anche la disponibilità della musica online, quindi subito dopo l’uscita, è davvero preoccupante. Ma non è cambiato solo il settore, è cambiato anche il modo di ascoltare un album: incoraggio tutti a prendere il tempo di ascoltare un album o altro, non di ascoltarlo mentre si fanno altre tre cose contemporaneamente, semplicemente rilassarsi e ascoltare 1 o 2 ore di musica meravigliosa, l’ascolto di un CD dovrebbe rimanere un’esperienza unica e speciale e noto che non è più così.

DSC_2824 (1)

La tua è assolutamente una voce fonogenica : come cambia il tuo approccio in studio rispetto alle performance dal vivo? E come ti prepari prima di una registrazione?

Non cambio mai nulla. Canto allo stesso modo sul palco come faccio in studio di registrazione. Quando sto registrando un album, lo sto registro in un locale con acustica – una sala da concerto, altre sale, un teatro dell’opera ecc. – quindi non ho bisogno di cambiare nulla, l’unica cosa che cambia è la presenza dei microfoni in ordine per registrare tutto. Ma non cambia niente per me, rimane lo stesso. Se ascolti la mia voce sul palco e la mia voce su un CD noterai che non c’è differenza, siamo io e la mia voce e sono felice che la mia voce suoni così bene. Prendo le registrazioni molto seriamente. Mesi prima di iniziare a registrare prendo tempo importante al mio calendario per essere libera, per studiare tutto in ogni piccolo dettaglio, per raggiungere il miglior risultato per me e la mia voce, è fondamentale abbandonarmi nelle partiture che devo cantare e registrare. Ascolto anche l’interpretazione di altri cantanti della musica che devo registrare, ascolto quasi tutti, ma non li copio mai, voglio sempre essere originale in tutto ciò che eseguo e registro. Ascoltare gli altri è molto importante, ma voglio sempre offrire la mia interpretazione, ci sono i miei sentimenti ed emozioni.

Il tuo primo album fu “Arias” nel 1996…cosa ricordi di quella registrazione?

Sì, questo è il mio primo album di recital, dopo La Traviata registrata dal vivo dalla Royal Opera House nel 1994, e anche dopo che ho registrato l’album “Puccini Experience”, un album del 1994 realizzato insieme ad altri cantanti. Ho registrato l’album “Arias” nel 1995 e l’ho pubblicato nel 1996. Non riesco a spiegare come mi sentissi allora, ricordo quanto ero felice e la grande soddisfazione di poter registrare arie così belle fin dalla prima fase della mia carriera – il CD include così tante arie d’opera forti e ormai so che la mia voce è fatta per le registrazioni. È stato anche molto importante per me registrare un album solista, quindi, per tutti gli artisti d’opera questa è una pietra miliare importante e sono felice di aver scelto Decca e che ora dopo 25 anni rilascerò questo nuovo album con Decca!

_DSC1126
©Cosmin Gogu

Quel disco ti fruttò anche i complimenti di Renata Tebaldi: qual è stata la tua emozione nel ricevere quella lettera?

Ero molto emozionata. Non perché stavo ricevendo questa lettera da una delle voci di soprano più belle, ma perché Renata Tebaldi, insieme a Virginia Zeani ha sempre avuto e hanno un posto speciale nel mio cuore, le adoro così tanto! È stato sorprendente ricevere la sua lettera, ma allo stesso tempo mi ha dato anche più forza, l’ammirazione e l’amore degli altri per me e la mia voce mi dà sempre forza. Renata Tebaldi è stata così colpita dal mio primo album, dalla mia voce, e questo è per me il più grande complimento che avrei potuto ricevere in quel momento.

“Plaisir d’amour” è un florilegio di arie da camera celebri, ma anche più rare: quali sono le pagine a cui sei più affezionata?
È difficile scegliere. Ricordo anche quando abbiamo fissato il programma finale per l’album, c’erano ancora 4-5 canzoni lasciate da parte a causa della lunghezza dell’album, non una scelta facile. Adoro il repertorio in quanto eclettico e molto romantico. Il romanticismo ha così tanti lati, così tanti volti, ed è espresso in così tante lingue diverse, e il titolo è stato scelto dopo il Plaisir d’amour del Martini, che in precedenza ho cantato in italiano – Piacer d’amor, ma funziona così bene per l’intero programma . Sono anche molto felice che nessuna di queste canzoni sia stata precedentemente registrata da me su disco, ho altri due album di recital: “My World” con Decca e “Live from La Scala ” con Warner / EMI, ma tutte le canzoni sono diverse su questi album.

Decca_Angela_Gheorghiu_Plaisir_d’amour_CD_Cover

Cambia il tuo approccio tecnico o interpretativo rispetto all’opera? 
Cantare canzoni/lieder è diverso dal cantare arie d’opera e arie o duetti, questo è certo. Non cambio mai qualcosa nella mia voce, ma cambio i colori nella mia interpretazione: le canzoni sono spesso malinconiche o tristi, a volte sembrano più lente, ma devi stare attento a dare il loro significato al pubblico che le ascolta. È molto intimo, l’unico accompagnatore è uno strumento, il piano e la voce è così esposta a tutto, la voce è “nuda” in un certo senso e la gente ascolta solo la tua voce – in una registrazione con un’orchestra, le attenzioni si diffondono anche nell’orchestra o in un coro, ma in un recital si tratta solo della voce!

Nel programma anche delle pagine di Strauss: pensi che ci sarà spazio nel tuo futuro per ruoli di questo compositore?(magari Marschallin o la Contessa di Capriccio)
Molte persone mi hanno detto che avrei dovuto cantare Strauss. Non sono sicuro di voler cantare un ruolo a parte quello di Salome, e questo nella versione francese! Forse anche il terzetto finale di Der Rosenkavalier, la musica è bellissima! Non conosco la lingua tedesca, quindi è più difficile quando la studio. La gente mi dice che il mio tedesco suona bene, quando canto raramente in tedesco, ma è diverso dal cantare un ruolo intero. Non sono abituato a cantare alcun ruolo se non conosco il significato perfetto delle parole, non potrei cantarlo perché non sarebbe sincero. A dire il vero, ho scoperto per la prima volta che il primo brano che avevo imparato era in tedesco, il Guten Aben Gut ‘ Nacht di Brahms, quando avevo sei anni!

_DSC1564
©Cosmin Gogu

Si è sempre distinta la tua attenzione e il tuo intuito verso i giovani talenti:
com’è nata la tua collaborazione con la pianista Alexandra Dariescu?

Abbiamo realizzato la nostra prima collaborazione l’anno scorso, nel 2018, alla Wiener Staatsoper. L’ho invitata per il mio recital dopo che ci siamo già incontrati diverse volte prima, e sebbene Alexandra sia una pianista di concerti, ho detto perché non fare anche un recital con un pianista di concerti? Ho sempre incoraggiato giovani cantanti e talenti, cantanti e musicisti allo stesso modo, e sono felice di poter presentare questo album di recital con un pianista emergente come Alexandra.

Hai già qualche altro progetto discografico che ti sta a cuore?
Ho sempre idee e progetti nella mia testa , non riposo mai. Ma non posso divulgare nulla come ho appreso dall’esperienza che a volte, e soprattutto al giorno d’oggi, questo tipo di progetti può rimanere solo come progetti. L’industria discografica oggi non ha un bell’aspetto, per tanti motivi, ma spero di presentarti e perché no, sorprenderti con nuovi meravigliosi album nei prossimi anni.

1951ashmore0562 copy
©Catherine Ashmore

Prossimi impegni…
Sono in tournée con recital con Alexandra Dariescu in Europa, America e Cina, concerti in tutto il mondo e l’anno prossimo sarò di nuovo Tosca a Dresda, Berlino e Londra. E come spesso dico, “Continua…” (“To be continued”).

Grazie ad Angela Gheorghiu e In bocca al lupo!

Francesco Lodola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...