NOTTI MILANESI: ALÌ BABÀ E I QUARANTA LADRONI ALLA SCALA

L’Accademia della Scala ha scelto per il consueto spettacolo che ogni anno viene inserito nel cartellone Alì Babà di Cherubini, titolo piuttosto raro se si tiene conto che la prima rappresentazione in lingua italiana, nel 1963, è stata anche l’unica comparsa che l’opera ha fatto nel teatro meneghino. Gli allievi dell’Accademia, preparati dai maestri fra…

NOTTI MILANESI: IL PIRATA ALLA SCALA

L’allestimento del Pirata, da molti considerato la prima manifestazione romantica nel mondo del melodramma, ha segnato il ritorno di Bellini nella sala del Piermarini. Il compositore catanese è stato forse anche troppo trascurato dalle precedenti sovrintendenze, ed è sicuramente un bene che l’interesse sviluppato dal duo Chailly-Pereira verso il repertorio oggi meno battuto abbia incluso…

NOTTI MILANESI: DON PASQUALE ALLA SCALA

Opera di straordinaria originalità e modernità nel suo apparente convenzionalismo, Don Pasquale ha divertito e entusiasmato il pubblico della Scala in queste sere di Aprile. Un ottimo cast è stato assemblato, a cominciare da Ambrogio Maestri, che ha interpretato il ruolo titolare con una grande abilità vocale, cui si associava sempre una tenuta del palcoscenico…

NOTTI MILANESI: NABUCCO ALLA SCALA

Si è chiusa con un successo caloroso l’ultima recita di Nabucco la sera del 19 novembre alla Scala, nel ripreso allestimento di Daniele Abbado presentato qualche anno fa. La produzione ha rivelato di nuovo pregi e difetti. La resa pratica é senz’altro suggestiva e ben curata, nel grigiore assoluto, scarno ma elegante delle scenografie e…

NOTTI MILANESI: LA BOHÈME ALLA SCALA

La giovinezza, si sa, è per eccellenza l’età dell’insubordinazione, dell’allegria spregiudicata, dell’insolenza. Ma una insolenza bonaria, proprio in virtù di una sua inconsapevolezza, ingenuità. Di ciò, in fondo, è consapevole anche chi vive ancora all’interno dell’anello irripetibile che si chiude con l’età adulta. L’emblema dell’insubordinazione è lo sgambetto. E l’incipit di Bohème, con la pausa…

NOTTI MILANESI: DON GIOVANNI ALLA SCALA

Robert Carsen: un nome e tutto un programma. Il sovversivo regista canadese tanto amato nel mondo della lirica, è ritornato alla Scala con il suo Don Giovanni. Don Giovanni è sempre stato uno dei personaggi più controversi e complicati della storia operistica mondiale e il regista ha saputo eguagliare con innovative tecniche stilistiche sia l’uomo che l’opera….

NOTTI MILANESI: LA GAZZA LADRA ALLA SCALA

Nei golfi più riparati delle repliche, La Gazza Ladra sembra riscontrare, a differenza dei tumulti che hanno animato la prima (peraltro, in un certo senso postivi, il teatro è “vivo”, anche nelle sue opinabili faziosità) una approvazione condivisa. E’ sicuramente un allestimento interessante e di ottimo livello artistico, anche se rimane, almeno da parte di…

NOTTI MILANESI: ANNA BOLENA ALLA SCALA

  Questo Marzo-Aprile è stato un periodo di ritorni travagliati, qui in Scala. Il breve resoconto arriva in coda alle già molte reazioni per la Bolena scaligera, e con rammarico aggiunge al coro pressoché unanime di dissensi. Una produzione nel complesso mal amalgamata, dove anche i pochi punti di forza vengono scancellati da un livello…

NOTTI MILANESI: LA TRAVIATA ALLA SCALA

Una pioggia di fiori e coriandoli da parte di una sala festante hanno coronato la quarta recita di Traviata, sicuramente uno dei risultati più alti sotto il profilo tecnico che si siano sentiti in Scala. Debuttava e contemporaneamente dava l’addio al ruolo alla Scala (prima di abbandonarlo definitivamente a Parigi nella prossima stagione), Anna Netrebko…

NOTTI MILANESI: DON CARLO ALLA SCALA

Prima di raccontare quanto ho ascoltato e visto il 29 Gennaio scorso, mi sia concesso di spiegare brevemente le ragioni di una preferenza meramente personale. Chi non voglia leggere l’ennesima opinione sulle versioni di Don Carlo può tranquillamente saltare questo passaggio. Credo che questa versione in cinque atti “stile opera italiana” sia quella tutto sommato…